Azienda Agricola

Fattoria Didattica

Podere Peciano offre la possibilità di visitare e apprezzare un’autentica Fattoria con tanti animali di molte specie. Qui troverai tanti grandi e piccoli animali allevati in libertà con cui condividere l’emozione di una carezza o il calore di un abbraccio. Inoltre, grazie alla storica esperienza della famiglia Chiovoloni, potrai vedere le tracce, respirare il profumo e ascoltare i racconti delle passate generazioni, quando gli animali servivano come aiuto e sostentamento alle numerose famiglie contadine e quando le persone ancora vivevano al ritmo della natura…

La visita alla Fattoria inizia percorrendo la strada dei frutti che porta alla nuova stalla;
qui trovate tanti animali di varie specie che convivono e condividono gli spazi a loro dedicati, dove mangiano e dormono e dove trovano protezione dai pericoli del mondo esterno.
Tutti gli animali hanno la possibilità di uscire in una grande area recintata adiacente alla stalla dove possono trascorrere le giornate felicemente e dove possono sentirsi “liberi”.

Sorella Pasquina

Entrando in questa stalla, è possibile stare a contatto con gli animali, osservarli, accarezzarli e dargli da mangiare in sicurezza. Chi vi accompagna, oltre a raccontarvi le storie delle abitudini e delle particolarità di ognuno di loro, potrà prendere in mano gli animali più piccoli e i cuccioli per farli accarezzare e coccolare a chi lo desidera.

Uscendo dalla stalla è possibile fare una passeggiata lungo la strada che circonda tutta la recinzione esterna. Durante questo tragitto gli animali (con la speranza di ricevere un po’ di erba fresca che non trovano dentro al recinto) vi accompagneranno dall’altra parte della rete. Questo cammino costeggia l’interessantissimo orto della nonna Dina e le varie tipiche coltivazioni della zona come viti e olivi che arricchiscono la scampagnata di ruralità e tipicità toscana.
Per gli audaci è possibile anche entrare all’interno della recinzione, sostare, accarezzare e stabilire un rapporto con tutti gli animali.

Il percorso termina alla storica vecchia stalla delle mucche; qui potete vedere tanti altri animali allevati secondo le abitudini della tradizione dei secoli passati… In questa stalla c’è un grande corridoio centrale delimitato dalle mangiatoie dove potete salutare e magari “governare” la mucca Bruna, vitelli di varia grandezza, i vitellini da latte e magari qualche maiale o maialino…

La mucca Nerina

Fino al 2016 (per circa 35 anni) questa stalla ha ospitato circa 20-25 mucche da latte e una media di 25-30 capi di altri bovini (vitelli vitelloni e vitellini nati e cresciuti in questa stalla).
Il latte prodotto dalle mucche, per tanti anni, veniva venduto porta a porta a tantissime famiglie della zona; successivamente (dal 1990 in poi) veniva conferito alla centrale del latte di Firenze. Oltre al latte, in questi 35 anni, L’altra attività per cui la famiglia Chiovoloni era molto famosa conosciuta e apprezzata nella zona, era lo spaccio delle carni fresche di vitella e di maiale che veniva praticato presso un piccolo punto vendita comprensivo di macelleria in alcune stanze della casa patronale. Oggi queste attività sono ormai un ricordo, ma entrando in questa stalla è bellissimo ascoltarne i racconti di chi ha accudito e allevato animali “per una vita intera”…

La vecchia stalla un tempo

Lo svolgimento di attività ricreative ludico didattiche con le scolaresche possono essere svolte anche in uno spazioso salone dove è possibile sedersi attorno ad un grande tavolo.

È possibile prenotare la visita alla fattoria e affittare il salone anche per festeggiare compleanni di bambini e non… le feste si possono anche svolgere nel grande piazzale adiacente al salone e nello storico giardino ricco di giochi e aree relax.

Terreni e attività agricole

L’azienda agricola, oltre agli spazi utilizzati per le attività agrituristiche e di allevamento degli animali, dispone di circa 5 ettari di terreno seminati e coltivati dalla famiglia, di circa 1 ettaro di uliveto nelle colline soprastanti la fattoria, di un piccolo vivaio di circa 3.000 m2 di piante ornamentali (cipressi comuni e cipressi da siepe) e di un’altra piccola area posizionata accanto alla recinzione degli animali destinata alla coltivazione di un curatissimo orto.

Nell’orto troviamo tanti prodotti che, anche se non hanno una certificazione biologica (soprattutto perché non vengo commercializzati), vengono coltivati con la cura, la dedizione e la sapienza di quando neppure esistevano pesticidi o antiparassitari. Questi prodotti vengono utilizzati per il consumo familiare, ma puntualmente, una volta arrivati a maturazione, vengono messi a disposizione anche degli ospiti che soggiornano in agriturismo.